6 consigli fondamentali di email marketing per un brand sanitario.

Indice dei contenuti

Per specialisti e aziende di servizi sanitari, l’email marketing è diventato più importante che mai.

In un’era di piattaforme social in continua evoluzione e nuovi metodi di comunicazione, l’e-mail rimane un canale di marketing digitale affidabile e potente che continua a connettersi con tutti gli utenti di ogni fascia d’età. In effetti, un recente sondaggio ha rilevato che oltre i due terzi dei consumatori di tutte le età vogliono ancora ricevere comunicazioni via e-mail, tra cui la maggior parte dei Millennials, Gen Xers e Baby Boomers.

Tuttavia, per avere successo con l’email marketing non è sufficiente creare rapidamente un messaggio e premere invio. La connessione coerente con il pubblico, specialmente nell’ambito sanitario, richiede una strategia ben ponderata e un’esecuzione di alta qualità.

In particolare, ti consigliamo di seguire queste sei best practice di email marketing per assicurarti che le tue campagne sanitarie siano efficaci.

1. Metti la privacy e la sicurezza al primo posto

Una delle maggiori differenze tra l’assistenza sanitaria e la maggior parte delle altre industrie è l’importanza assoluta della privacy. Ricorda sempre che anche il messaggio sanitario più benevolo è visto come un’informazione molto personale da molte persone.

I consumatori sono profondamente preoccupati per i dati che detengono i brand / fornitori di servizi sanitari, e probabilmente giustamente. Secondo un sondaggio condotto da operatori del settore sanitario, il 63% ritiene che la propria azienda abbia subito una violazione dei dati.

La chiave dell’efficacia a lungo termine dell’email marketing nell’assistenza sanitaria è la fiducia. Pertanto, inizia concentrandoti sulla sicurezza di tutti i tuoi sistemi. Ciò include l’accesso alle informazioni personali e l’accesso alle tue piattaforme di marketing. Inoltre, se applicabile, utilizzare strumenti di email marketing conformi alle leggi nazionali.

2. Costruisci liste di opt-in e proteggile

(L’optin è l’opzione attraverso la quale l’utente esprime il proprio consenso ad essere inserito in una mailing list per ricevere comunicazioni di natura informativa e/o commerciale)

La crescita di elenchi di e-mail attraverso metodi facili e veloci, come l’acquisto di database o lo scambio di informazioni con altri Brand, può essere molto allettante. Il nostro consiglio: non farlo.

Costruire i propri elenchi solo tramite opt-in, in cui i consumatori accettano esplicitamente di ricevere comunicazioni via e-mail, richiede più tempo, ma è un approccio migliore.

Perché? Innanzitutto, perché la qualità di questi elenchi è migliore: vedrai un coinvolgimento molto più elevato e molti meno annullamenti nel tempo. In secondo luogo, il modo più semplice per creare danni duraturi alla tua azienda è inviare una campagna senza autorizzazione; ecco perché le piattaforme di email marketing come Mailchimp ora hanno metodi limitati per la creazione di elenchi. Questo potenziale danno è ancora peggiore per i messaggi relativi all’assistenza sanitaria.

Inoltre, dopo aver creato correttamente un elenco di attivazione, non dimenticare di proteggerlo attentamente. Se condividi le informazioni con altri esperti di marketing o non proteggi i dati, annullerai tutto il tuo duro lavoro.

3. Prestare attenzione alla frequenza e-mail

Qual è il più grande errore di posta elettronica che i marketers commettono? È semplice: inviare troppi messaggi.

Alla domanda sul perché i pazienti cancellino l’iscrizione alla ricezione di comunicazioni da parte delle aziende, due terzi dei consumatori affermano che il motivo principale è dovuto a troppe e-mail.

Questo, ovviamente, ha senso. Sappiamo tutti per esperienza personale che le caselle di posta in arrivo sono sempre più piene di messaggi e che è difficile mantenere il passo. Eppure troppo spesso i marketers dimenticano questo fatto.

Se vuoi mantenere i livelli di coinvolgimento e assicurarti che le tue liste e-mail rimangano stabili, fai attenzione alla frequenza delle e-mail. Resisti all’invio di troppi avvisi speciali o offerte una tantum. Questi messaggi possono aiutare a breve termine, ma a lungo andare perderai preziosi abbonati.

4. Pensa Mobile-First, Not Mobile-also 

Per molto tempo, il consiglio ai professionisti del marketing è stato quello di tenere a mente il cellulare quando si creano messaggi e-mail.

È tempo che cambi. Non è più sufficiente essere anche mobile; l’e-mail marketing efficace richiede che tu sia mobile-first.

Perché? Poiché oltre la metà (54%) dei messaggi è ora aperta su dispositivi mobili e si prevede che tale quota aumenterà nel corso del prossimo anno.

Essere mobile-frist riguarda in parte i messaggi stessi – è essenziale disporre di un design che venga visualizzato bene su tutti i dispositivi – ma va oltre. Stai ottimizzando tutte le pagine collegate alle tue campagne e-mail? Hai preso in considerazione il comportamento tra dispositivi come la navigazione su un telefono e quindi l’azione su un computer? Hai sfruttato le opportunità dello smartphone come integrazioni della posizione e monitoraggio dello stato? Tutto questo non è solo bello, ma essenziale.

5. Segmenta bene le tue liste

Circa il 51% dei marketers classifica la segmentazione come l’unica tattica di email marketing efficace.

Ciò è in gran parte dovuto alla pertinenza. Più un elenco è segmentato, più pertinente e rilevante è la messaggistica, più è probabile che i destinatari intervengano.

Questa tendenza generale è amplificata dall’assistenza sanitaria. Le esigenze dei consumatori e dei pazienti del settore sanitario sono così varie che la messaggistica ampia di solito cade piatta. Per coinvolgere veramente il tuo pubblico, è necessario segmentare correttamente i tuoi elenchi e fornire la messaggistica più pertinente possibile.

Sulla stessa linea, andare oltre la segmentazione e impegnarsi in messaggi personalizzati one-to-one basati su informazioni / comportamenti specifici può avere un impatto ancora maggiore. Fondamentalmente, quando si tratta di e-mail di assistenza sanitaria, più una e-mail è personalizzata, più è probabile che il destinatario si impegni.

6. Offri agli abbonati qualcosa da fare

Un grande vantaggio che i professionisti del settore sanitario hanno rispetto alla maggior parte delle altre aziende è che la stragrande maggioranza dei consumatori è profondamente interessata all’argomento. Le persone non devono essere convinte a prendersi cura della salute e del benessere.

Detto questo, considera ogni messaggio di posta elettronica come un’opportunità per coinvolgere il destinatario in modo più profondo. Questo può fornire collegamenti a informazioni aggiuntive sul tuo sito Web, incoraggiare le persone a seguire i tuoi account sui social media o, se pertinente, semplicemente incoraggiare la condivisione del messaggio.

Stai parlando a persone che sono chiaramente almeno un po’ interessate ai tuoi prodotti / servizi sanitari e che hanno fatto lo sforzo di guardare il tuo messaggio. Capitalizza su di esso!

In definitiva, le persone vogliono interagire con i sanitari, perché deficitano di qualcuno che le ascolti. Se costruisci fiducia, proteggi attentamente la privacy, mantieni la frequenza, fornisci una buona esperienza mobile, segmenti bene e includi inviti all’azione convincenti, sarai ben pronto per un impegno coerente e forte con le tue campagne di email marketing.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti aggiorneremo su news, guide e casi studio per migliorare il marketing della tua azienda, acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli attuali.

Potrebbero interessarti anche:

Un caso studio che ha generato più di 100.000€ di fatturato

Compila il form qui sotto, riceverai il nostro case study gratuitamente

Un team di esperti in marketing sanitario pronto ad aiutarti

Compila il form qui sotto: ti risponderemo entro 48h.

Puoi anche contattarci qui:

  • info@pazientesoddisfatto.com
  • 3398288696